I Faraglioni di Aci Trezza

22 ottobre 2019

Si lamenta ancora. Zittiti, presta l’orecchio.
‘U sienti?
Polifemo si è arrabbiato e ora ietta ‘uci.
C’è cu rici ca’ fu Galatea a fallu siddiari.
Non lo voleva, amava Aci.
Ma iddu fu ghilusu, nun putìa essiri: l’ira l’accecò, lanciò un masso contro Aci e lo ammazzò.
Talìa quantu è ranni. Maestoso ‘nto mari.

Ma c’è macari cu rici cà Polifemo si arrabbiò cù Ulisse.
‘U cunta Omero ‘nta l’Odissea.
Dice che in queste grotte c’abitava il Ciclope, “un mostro gigante” ‘u chiama.
Un occhio solo avia e chista fu a so svintura.
Quando Ulisse arrivò ‘nta sta terra, Polifemo lo catturò.
Pì liberarisi allora l’eroe l’accecò.
Chi duluri!
Chiddu s’arrabbiò assai: massi enormi gli scagliò pì ammazzallu.
Ma nenti potti fari: era cieco e Ulisse si salvò.

Oggi m’arrestunu sulu sti petri ‘nto mari: i Faraglioni a 'Trizza li chiamano.
E tutte chiste intorno, le Isole dei Ciclopi.

Chi biddizza: Verga ci ambientò pure ‘na storia, I Malavoglia.
A canusci?